Le nostalgie by Gualdo, Luigi

Online Distributed Proofreading Team at http://www.pgdp.net (This file was produced from images generously made available by Biblioteca Sormani - Milano)

LUIGI GUALDO

LE NOSTALGIE

TORINO F. CASANOVA, EDITORE

1883

LE NOSTALGIE

I.

. . . . .

*

Invitte stanno le superne cime Ancor dal genio umano inesplorate; Noi, nell'ore moderne scolorate, Dimentichiamo i mali della vita Cercando intorno le dorate rime.

Le cerchiamo nell'anima ferita E nell'azzurra terra ove si sogna, Le cerchiamo nel ver, nella menzogna, Nella brama d'un'estasi incompita, Nel rimpianto dell'uomo, in quel che agogna.

Facciamo scaturire una fontana Dalla sabbia--e dal mal la Poesia, Poichè l'evocatrice fantasia Che non ha culla e che non ha confine, Dovunque regna e da ogni cosa emàna.

E nel suo regno non vi son più spine, Non v'è di luce un troppo caldo raggio... Spira sempre una blanda aura di maggio, Simile a un soffio di spiaggie divine Che spande oblìo sovra il terren viaggio.

E là talor dell'immenso poema Qualche verso ne dice il rio, lo stelo; Sorge dal suolo una nota di cielo, Un lampo guizza allo sguardo abbagliato E intravediam la verità suprema.

Nell'oscuro desir del nostro fato, Cui sol misterïoso Amore schiara, Invan cerca lo spirito assetato Il ver celato dalla sorte avara. --E forse il nostro sogno è il meno errato.

È il metro stesso che la mente ispira, E quando in noi sentiam lo sconosciuto Poter, che tutto intorno a noi fa muto, Oh l'ascoltiam! Che forse s'ode il vero Da una corda ancor muta della Lira.

Forse nel ritmo è chiuso ogni mistero E nella Forma è la suprema legge, Forse un concerto l'universo regge, E nelle norme d'un divin pensiero Ogni stella pel ritmo si sorregge.

Non sveliamo i dolor, l'ire, le piaghe, Davanti al volgo indifferente, o lieto Del duolo nostro, ignaro del segreto. Oh nol cantiamo! Chè noi siam gli eletti, I soli accolti alle lucenti plaghe.

Soli sediamo ai magici banchetti E soli entriamo per le argentee porte; Per noi le antiche dee sono risorte, Tutto miriamo sotto arcani aspetti, Cantiam la vita e scrutiamo la morte.

Intrecciamo le gemme alle ghirlande, Voghiam sul mare verso l'orizzonte, Fin lontano lasciam le nostre impronte, Carichi di tesor, di spoglie opime, L'arte seguiamo paurosa e grande!

Noi ritorniamo vêr le cose prime, Tentiam svelare ciò che in noi si muove, Le nostre gioie le troviamo dove Brillano chiare le dorate rime, Nella purezza delle forme nuove.

* *

Così, talvolta, quando il bianco foglio S'annera, e i versi sgorgali dalla penna, Vedo una fulgida Mèta e la Musa che col gesto accenna, E il cor mi batte per rinato orgoglio.

Tutto risplender parmi nella vita D'onde la triste realtà scompare, E senza lagrime, Senza nulla svelar dell'ore amare, Seguo il sentiero che la Musa addita.

E incontro forme immateriali e pure, Ma somiglianti a note forme amate, Figure pallide, Pupille azzurre arcanamente oscure E lunghe chiome al vento abbandonate.

Le incontro per la via mesta e serena Dove il sognare sempre ne conduce, E mi sorridono Con uno sguardo strano da sirena, In cui ritrovo pur l'antica luce.

E là tra i rivi rapidi d'argento, Nel chiarore lunar che tutto avvolge, Sull'erba morbida, Sotto alle piante che non temon vento, Involontario il canto mio si svolge.

Varia la scena, sorgon sontüose Ville di marmo in mezzo alla verdura, Dove ne olezzano Sui vecchi muri le novelle rose, E s'apre un atrio pieno di frescura.

Amo errare così per il paese Vasto del sogno ove tutto s'oblìa... Ma poi mi sveglio, La vita torna a diventar palese, E mi ritrovo sulla dura via.

E allora m'abbandona ogni fierezza, Ardua fatica è ripigliare il canto; Il verso languido Somiglia a debil ala che si spezza, E rido amaramente del mio vanto.

E parmi allor che la vita nemica Noi sfuggire possiam sol per brev'ora; Poichè implacabile Torna e ne schiaccia con la sua fatica E il coraggio ch'è in noi sperde e divora.

Pure i miei versi--altera illusïone-- Sembravano condurmi ad una mèta Lontana e fulgida... E sorge al guardo mio la visïone Che ad ora ad ora evóca in me il poeta.

* * *

Il poeta dovria cantar l'eterna Lotta dell'uom col male e col desire, L'ardua battaglia E dei sensi e del cor che ne governa, La ribellione al duolo nostro sire.

Si dovria dire il Sogno e insiem la Vita, Approfondendo il vero ed il reale Ancor recondito, Poi spazïare ancor nella infinita Regïon che attira le instancabili ale.

E il volpossente che la musa ispira, Dal seno della terra infino all'alto Ignoto vertice S'inalzerebbe in vorticosa spira, A ogni ascoso desir dando l'assalto.

Dalle grotte celate al firmamento, Dalle lagrime apparse all'imo core, Contando i battiti, Dal lamento dell'uomo a quel del vento, Dall'amor della donna a quel del fiore.

Scrutar dovremmo arditi ogni problema, Dall'eterno mister che su noi libra Il cielo limpido, Fino al basso sentire che ne scema L'intelligenza e in noi la forza sfibra.

Se il robusto voler che l'alma eleva Sentiamo sol per un fugace istante, Se manca al povero Turbato spirto una possente leva, Al nostro core un palpito costante,

Troviamo almeno in tanto male istesso Forme novelle all'arte imperitura, Cantiam l'angoscia Del morbo arcano ond'è lo spirto oppresso E i dolor vani aggiunti alla natura.

Ma celar non dobbiam la brama intensa Di purezza ch'è in noi--acre rimpianto-- Nè il sogno roseo Che ognor davanti all'occhio d'uom che pensa Sorge soave tormentoso incanto.

Tentiamo sviscerar dalla moderna Vita febbrile un'arte ultima e nuova, D'onde gli acrissimi S'alzan profumi e dove chi s'interna L'inconscïente suo mal or ritrova.

Ma ricordiam che batte eternamente In petto all'uomo un immutabil core, E che negli ultimi Stanchi poeti d'una smorta gente Della lira d'Orfeo l'eco non muore.

II.

SEPARAZIONE

Weary to death with the long hopeless keeping The watch for day that never morroweth. JOHN PAYNE.

A GIUSEPPE GIACOSA

*

Sopra il vasto terrazzo in marmo bianco Sta, seduta la dama altera e bionda; L'atteggiamento sul sinistro fianco Rivela lassitudine profonda.

Attraverso le fronde verdeggianti Sereno è il cielo sull'immenso mare, E s'ode l'eco dei remoti canti De' pescator che van per l'onde amare.

Ella è vestita di velluto rosso Con ricche trine e gemme rifulgenti; Il suo corpo divin talora è scosso, Rabbrividisce... eppur son dolci i venti,

E all'azzurro lontan volge l'azzurro De' suoi sguardi pensosi, ma l'arcano Indistinto pensier senza susurro E senza gesto, va assai più lontano.

* *

Il suo pensier traverso il bene e il male, Or chiaro or torbido, Come nave sul mare a gonfie vele Vola nel sogno verso l'ideale.

Ella ha sete e vorrìa l'assenzio e il miele, La manna e il tòssico, E sente in seno l'onda d'una brama Che or soave diventa ed or crudele.

Ella giunge le mani e attende e chiama, Tra speme e tedio, Il presentito compimento ignoto E la gioia fatal che ha sol chi ama.

Chi ama e vive e più non sente il vuoto Dell'ore rapide, E la pace che fa invocar la guerra, E l'avvenir che ognora è più remoto.

E il suo core talor tutto si serra E cessa il palpito, Ma poi torna il desir senza la speme E le sembra esser sola sulla terra.

E mentre ignara del suo mal pur geme, La solitaria Dal cielo implora i tormentosi affanni, Purchè vi sia chi con lei pianga insieme.

E che dan le dovizie a' suoi vent'anni? L'avito orgoglio E le turbe inchinate al suo passaggio?... Ella vorrebbe dispiegare i vanni

Dell'alma ardente al fulgido miraggio! --Ma resta immobile, Schiava del fato, con la testa china, Nè sa perchè tanto l'attrista il maggio;

Nè sa perchè, quando il sole declina, E malinconica Scende la sera sulle umane cose E par misterïosa la marina,

E sullo stelo languono le rose, E le mestissime Note lontane dell'Ave Maria S'odon venire in tra le piante ombrose,

Ella sente un conforto ignoto pria, Ed una languida Pace discende sullo spirto stanco E dormire per sempre ella vorrìa,

Ma invano poi sull'inquieto fianco Sonno benefico Attende mesta fino alla mattina. Oh! perchè abbrucia il suo guanciale, bianco

Come la neve sopra vetta alpina? E perchè pallido Ogni dì più diventa il suo bel volto, Più flessüosa par quando cammina?

E che le fa l'aureo crin disciolto Ad ogni zeffiro, E che le forme pure e sculturali, Se l'occhio indarno all'orizzonte è vólto?

Se indarno sente che le batton l'ali, Se niun può leggere Le cifre arcane che il suo sen racchiude, Le aspirazioni giovani, immortali?

Tremando, con la mente ella dischiude La strada al torrido Lontan paese ove il suo sire ha vinto Le barbare tribù feroci e nude,

E d'onde dee tornar, di gloria cinto, Al freddo abbraccio Di lei che invano egli amerìa d'amore, Mentr'ella ha il cor dal dover solo avvinto.

Ella tutto darebbe--e lo splendore Delle sue caccie, E le sale dorate ov'ella deve Sotto un sorriso ascondere il dolore,

(Mentre la luce le fa il cor più greve) E le magnifiche Gemme pesanti sulle bianche spalle, Pari a rugiade sparse sulla neve,

E le vesti per oro antico gialle, E pur le candide Storiche perle della sua corona, E il feudo antico e monte e piano e valle,

Per un dì sol di vita vera e buona.

* * *

Sotto il terrazzo, per l'angusta via Dalle libere frondi ottenebrata, Un giovanetto pallido s'avvia Verso la mèta della sua giornata.

La mèta incerta ov'ei sarà la sera, La borgata ove forse avrà riparo. Va col liuto ad armacollo e spera Che il castellan non gli fia troppo avaro.

La chioma bruna scende in molli anella Sul collo bianco e sul farsetto umile, Ha l'occhio grande e ner, parvenza snella, E il sorriso sul labbro giovanile,

Mentre lo sguardo è già pensoso e triste E il magro viso è contro il mal già fiero Come di chi traverso al duol persiste. --Tal va l'ignoto e bello passaggiero.

* * * *

E andando per la strada polverosa Egli fantastica Come si suole nell'età primiera Quando la vita appar misteriosa.

E sente in cor cantar la primavera. Stormir le foglie Della speranza in tra i fior sboccianti, E avvicendarsi un'allegrezza altera

Alla mestizia dei primieri incanti. Poichè nell'animo Ei già presente le vicine lotte Tra il ver crudele ed i desiri affranti.

E spesso son le note sue interrotte, Nè per l'irrompere Dei singulti saprebbe una ragione... Pur piange spesso quando vien la notte,

Poi lo rinfranca ancor la visïone Piena di gloria D'un avvenir purissimo e ridente, E sente che uscirà dalla tenzone

Incoronato da una luce ardente E con il premio, Ignoto ancor, d'un bacio pien d'oblio, Pien di memorie celestiali spente.

Ma l'alma sua è mesta nel desìo Indescrivibile, Ed una ingenua pace ognor s'estolle Involontaria dal suo petto a Dio.

E nelle vene il sangue gli ribolle, E qual da freccia Ferito è dal desire indefinito Della lontana sua speranza folle.

Perchè gli diè natura il guardo ardito Fatto al dominio, Pur dolce sì che fino all'alma arriva? E il portamento libero e spedito,

La mano bianca del lavoro schiva, Il volto pallido Ed i bruni capelli inanellati, La mente tanto imaginosa e viva?

Perchè il suo spirto aspira ai grandi fati, Alle battaglie, All'avventure ed ai perigli strani, Alle pene sublimi, ai dì beati?

Contento ei già vorrìa morir domani Purchè una pioggia D'amor sentisse scender nel suo core, E tener fra le sue due bianche mani

Potesse nella calma che in amore Segue la torbida Divina ebrezza che fa l'uomo altero E gli fa rinnegare ogni dolore.

Oh! se trovasse in mezzo al suo sentiero La mesta e giovane Castellana sognata lungamente Nelle malsane gioie del pensiero,

Superba e di bellezza risplendente, Ma resa languida E impietosita da un accento vero, Dal suo liuto o da un sospiro ardente,

Ei non vorrìa parlar, ma l'occhio nero A lei rivolgere Saprìa soltanto, e col ginocchio al suolo Offrirle alfine il suo core sincero.

E tutto dirìa poi con voce lenta: Il lungo attendere, L'antica speme ed il suo giovin duolo, E la brama divina che il tormenta,

E della fantasia il mesto volo, E il caldo irrompere Dei desideri immensi e trionfanti Dal cielo giunti in amoroso stuolo:

E tra le varie note de' suoi canti La dolce ed unica Nota che torna sempre inesorata, Fra l'acre gaudio dei soppressi pianti

E il balsamo dell'alma innamorata, E allor la fulgida Dama un sol bacio gli porrìa sulli occhi Ed ei con l'alma lieta ed affannata

Il volto asconderìa nei suoi ginocchi.

* * * * *

Egli andrà in fondo al lungo suo sentiero Senza trovare il dolce dì sognato. Ella all'oceano Calmo o furente volgerà l'altero Languido sguardo interrogando il fato Che non si può mai compiere.

Oh! chi può dir di questi amori, ignoti L'uno all'altro qui in terra, il compimento Paradisiaco? Oh! quando fiano i lor desiri immoti E in un confuso il duplice lamento E l'ineffabil gaudio?

Quanti tramonti ancora e quante aurore, Quanti voli da questo a quel pianeta, Oh! quanti secoli Dovran fuggire pria che il dì d'amore Sorga a riunire il giovane poeta Alla sua dama pallida?

. . . . . . . . .

III.

STORIA DI MARE

Spuntava il dì sereno; non aleggiava vento Sulla spiaggia che il flutto batteva molle e lento, Da breve ora soltanto s'era levato il sole. La pura aura marina, che spira fresca ed ole Con un profumo amaro, facea ondeggiar la tela D'una tenda costrutta con una vecchia vela. Non una voce. Solo come un punto in distanza Qualche barca da pesca che lentamente avanza. Ma a un tratto dalla tenda una fanciulla bionda, Bella come la Venere che sorge in mezzo all'onda, Uscì qual visïone luminosa, inattesa. Sulle spalle superbe la chioma avea distesa, Ed il vestito bianco svelava la bellezza Delle sue forme pari alle antiche in purezza. I piedi sulla rena lasciavan delicata Orma di piante e dita che parevan di fata. Con gli occhi color d'aria dalle arcuate ciglia Guarda la giovin scena a cui ella somiglia Con una espressione di gioia giovanile. --O la freschezza lieta d'un bel giorno d'aprile! Per toccar le conchiglie s'abbassava talora, Ed una ne ammirava tutta rosea, e sonora. Si soffermò un istante, gettò uno sguardo intorno All'orizzonte chiaro dove brillava il giorno, Formando una visiera della sua aperta palma, E poi ridente, piena d'una letizia calma Corse nel mar, siccome da alcun desir fatale Attratta, e avviluppata da un fascino ideale. --Poi le mancò il terreno ed allungò le braccia, Le aprì, le riallungò, seguendo una sua traccia, E cominciò a nuotare con leggiadra baldanza. Già nelle prime mosse pervenne a una distanza Incredibil dal lido--elegante e veloce.

Non si sarìa potuta richiamar con la voce. Dritto davanti a lei, rapida e risplendente Ella fendeva i flutti, e ognor magistralmente Alzandosi e abbassandosi nel variato suo corso, Talvolta si voltava e nuotando sul dorso Guardava il vasto cielo, e sul fianco talvolta Al lido la dolcissima faccia tenea rivolta, Giuocando e andando sempre, come fosse rapita Dai venti--e poi talora in estasi infinita Parea dormisse, chiusi gli occhi azzurri e belli, Sparsi sul bianco viso i biondi suoi capelli.

Quest'era dall'infanzia il solo suo piacere. Sempre la si vedeva e per giornate intere Correre verso il largo. Preferiva il mattino, L'ora in cui è deserto il lido ed il cammino. La conosceva appena un vecchio marinaro.

Al bacio sol dell'onde fremea quel corpo ignaro.

Non si potea per essa conoscer la paura. Appena circondata dall'acqua amara e pura, Era nel suo elemento; e quando poi serena E allegra uscìa dai flutti, simile a una sirena, Il suo bel corpo bianco destava meraviglia. Pareva il mar sua culla, ella del mar la figlia; Del vasto oceano ignoto ognor sentiasi amica Ed ignorava ancora che fosse la fatica. Con le braccia sublimi qual di marmo animato L'Ellesponto ella pure avrìa attraversato Senza paura--ed anco senza desir d'amore! E spesso nella calma estiva e verso l'ore Pesanti del meriggio, scotendosi le goccie, Usciva tutta gaia, e in sulle ardenti roccie Si coricava offrendo del sole ai caldi baci Le giovanili forme innocenti e procaci. Là rimaneva a lungo placidamente, l'alma Sentendosi confondere alla natura calma. L'ira degli elementi per lei era una festa E sorrideva altera in mezzo alla tempesta. Era una dolce musica per lei lo spaventoso Rumoreggiar dei flutti che non hanno riposo E fra le nubi oscure il sibilar dei venti! --Ma preferìa l'arcano amor degli elementi, Il lungo bacio queto del pelago alla terra Allora che dei nembi s'è calmata la guerra, La molle ondulazione che ne viene dal largo Quando tutto s'addorme in un lento letargo, E quando, per cullarle sovra i flutti soavi, Sembra che il mar domato cerchi le grandi navi.

Quel giorno, ancor più lieta, piena di gioia pura Nuotava in alto mare in fra l'onde sicura. Lontana assai da terra si soffermò un istante, Tra la spuma giocò, poi senza andar più avante Si coricò e fu immobile--bagnando l'aureo crine Nell'acqua, che la linea sì delicata e fine Del viso incorniciava di cristallo verdastro. --Nel cielo s'innalzava gloriosamente l'astro Del giorno.--Ed ella alzava al vasto firmamento Gli occhi che d'azzurro s'empiano e di contento.

Alfin si mosse. Allora provò una gran sorpresa: Un giovane mai visto, con una mano tesa Dritto verso di lei nuotava ed un delfino Parea, maestoso qual era in suo cammino.

Veniva. Egli era bello al par d'un dio pagano. Veniva. Ad ogni istante era meno lontano. Avea i capelli bruni., non lunghi ed arricciati, Da gocciole lucenti coperti ed imperlati, Ed il suo viso imberbe più giovin dell'aprile Era d'una bellezza perfetta e femminile. Ei pure era sorpreso, e coi grand'occhi neri Pieni di dolce ardore e languidi ed alteri La contemplava fisso. A un tratto fu vicino. --«Io ti scorsi da lungi nel raggio mattutino. Colui che non vedevi per ammirarti accorse. Che niuno sa nuotare al par di me...» --«Io forse» E fuggì via. Ma rapido ei la raggiunse. Allora, Nuotando insieme andarono uniti per brev'ora, A forze uguali. A lei pareva fosse un gioco E quasi senza sforzo pur lo vìnceva un poco.

Ognor s'allontanavano. Ma dopo lunghi istanti, E stanca di guardare all'orizzonte avanti, Ella pur si voltò, e i loro sguardi alfine S'incontrarono. E allora le pupille divine Nell'innocenza sua fissò sul nuotatore E ingenua il contemplava e senz'alcun rossore. Essi correvan sempre; ma ecco che improvviso Una espressione strana le si dipinse in viso. Ignota lassitudine di lei s'impadroniva, Parca che le sue mani cercassero una riva... Il giovin se ne avvide, e le pupille fisse Sempre su lei: «Sei forse un poco stanca?», disse. --«Io? Giammai». Ma frattanto facevansi più lenti Mentre così dicea tutti i suoi movimenti. In tutto lo splendore sul vastissimo piano Il sole i rai possenti vibrava più lontano, E quella immensità che avean dinnanzi a loro Pareva tempestata di grosse gemme d'oro, Ma a riposar lo sguardo, sovra le loro teste Stendevasi tranquilla l'immensità celeste.

Senza contare il tempo andavano silenti. Ella era tutta gaia, ma già nuotava a stenti E si sentia contenta e un poco umiliata. Faceasi il respir corto e la lena affannata, Ed una man tenea sul seno palpitante, Ed egli le chiedea sommesso, ad ogni istante, S'ella era lassa, e sempre, sdegnosa e sorridente, Rispondeva di no. Eppur sensibilmente Ad ora ad or scemavano le forze sue già vinte Ed avanzava solo a disperate spinte. In fin le stese il braccio ed ella affranta, muta L'afferrò febbrilmente e già quasi svenuta. Tutta sentiasi invasa da ignoto turbamento. L'un contro l'altro stretti andavano col vento E i corpi si toccavano splendidamente belli E l'aura alla fanciulla i dorati capelli Moveva, e li spingea in opulenta massa Sulle spalle imbrunite di lui. Ell'era lassa, E di guardarlo in viso quasi più non osava... Egli con occhi languidi e ardenti contemplava.

S'allungavano forse gl'istanti all'infinito, Volavan forse l'ore?--Il tempo era smarrito.

Ell'era ognor più stanca. Il nuotator robusto La sostenne, cingendo il suo corpo venusto, Traendola con sè. Con forza prodigiosa La portava qual fosse una languida rosa.

Ella avea chiuso gli occhi, e quasi inconsciente Il cor di confidenza pieno ineffabilmente, Spinta da irresistibile e nuovissimo istinto Le braccia intorno al collo del giovine avea cinto. Egli mirava l'ombra che le palpebre chiuse Gettavan sulle guancie di pallore suffuse, E le labbra vermiglie. E si sentìa sul petto Le mosse di quel core a battere costretto, E per la prima volta. Ei mormorò sommesso: --«Io t'amo». Ella rispose: «Mi salva». Allor più presso A lei cui già mancava la voce egli si stese E con le labbra ardenti le dolci labbra prese.

La fanciulla innocente serrò con infinita Tenerezza colui che le dava la vita, Colui ch'ella, già debole, chiamava salvatore. E nulla ella sapeva pur sapendo l'amore. Lo sguardo nel suo sguardo ella teneva fisso, E in estasi novella pareale in un abisso Cadere lentamente, nelle brame infinite, Parean le loro bocche eternamente unite Ed era un di quei baci che finir non si ponno. Sembrava su lor scendere misterïoso sonno E a un tempo li riempiva possanza sovrumana. Egli sentiva in sè vibrar la forza arcana D'una felicità che non avrà più fine, Urtarsi le violenze delle gioie divine, E allor dalla sua bocca del bacio prigioniera Un mormorìo s'udì, una voce leggiera.

Gli augelli che passavano in ciel con l'ali aperte Fermavansi a guardare quelle due forme incerte E sovra il dolce gruppo circoscriveano il volo. E quello che vedevano sembrava un corpo solo Pien di forza e di grazia e doppio ed indiviso, Simile a visïone d'ignoto paradiso. Fu un lampo. Ma rinchiuso in la breve durata Era un eterno gaudio. Lei s'era risvegliata E le parea risorta esser già dalla morte E spinta nel mistero d'una novella sorte... E s'abbrancava al giovine e lo teneva stretto. Ma fu lui che pel primo sentì scemar nel petto Il soffio ed il vigore... fu lui che la fortezza Aveva degli olimpici cui vinceva in bellezza. E con un lieve gemito, un rantolo d'amore, Da un'indicibil estasi suprema, da un languore Si sentì tutto invadere soavissimo e fatale E si coprì il suo volto di pallore mortale. Ed egli sprofondava. Per un minuto ancora Ella il potè sorreggere, ma poi cedette, e allora Sempre più avvinta a lui, confusi in una speme, Unì il suo corpo al suo per rimanere insieme. --E lenta ma sicura già l'inghiottiva l'onda.--Pria s'agitò una forma, indi una chioma bionda Si vide ancor confondersi col bianco della spalla; L'oro di quei capelli restò un istante a galla, Poi l'acqua lo coprì con mormorio leggiero.-- Ella lo avea seguito nel sogno e nel mistero Sentendo che divisi non sarìano più mai.

E più vivi ed ardenti dardeggia il sole i rai: Sovra l'immenso oceano più nulla si discerne. I flutti hanno più flebili le lamentele eterne, E par che alfin si stenda, dovunque, in ciel, sull'onda, Inalterabilmente serenità profonda.

IV.

ALLA SERA

Stanca è la terra e lasse son le cose; L'uomo è languente come la natura. Scende dal cìelo una gran pace oscura. Pendono già gli steli delle rose.

L'uomo è languente come la natura. Sorgon dall'alme le armonie nascose, Pendono già gli steli delle rose, Cessa la gioia e cede la sventura.

Sorgon nell'alme le armonie nascose Rivelatrici di vita futura... Cessa la gioia e cede la sventura Tra l'acri voluttà misterïose.

Rivelatrici di vita futura Son le tinte fugaci e calorose; Tra l'acri voluttà misterïose V'è un senso di speranza e di paura.

V.

. . . . .

Rose appassite cui non rise il sole, Vergini morte senza udir parole Dolci al cor mesto lungamente attese-- Bellezze altere cui mentì la vita, Cui già sfiorò la guancia impallidita L'ala del tempo che volando offese,

Malati ingegni che non ebber lena E che al salir del monte giunti appena Caddero stanchi in vista della meta. Amanti orbati dalla fredda morte, Spirti legati da dure ritorte, Voi cui miseria ogni desire vieta,

O passeggieri per la vita vuota, Poeti oscuri! A voi sale la nota Del canto arcano che il mister susurra, Ed in voi soli sta l'eterno tema Che--protesta fatal, vago poema-- S'erge alla sorda vasta vôlta azzurra.

Voi tutti unisce un vincolo fraterno, Intirizziti dallo stesso inverno Che congela nel cor gl'impeti veri, E fra tutti un dì voi riconoscete, Mesti assetati dalla stessa sete, Compagni di desiri e di pensieri.

Piangete tutti qualche spento amore La cui memoria è com'eco che muore, O qualche ingenua aspirazion che fugge; Voi nell'esilio d'una vita immota Pensate sempre ad una patria ignota, Non mai veduta, ma che il cor vi strugge.

E quei cui schiavo nella casa stretta La via che fugge all'orizzonte alletta, Forse deluso tornerìa dal polo Se potesse partir--e intanto soffre Di non saper carpir quello che s'offre Istante d'oro ove si piglia il volo.

Invan correte il mondo e la ventura Cercando nel mutar della natura Un pascolo allo spirto irrequieto. Fuggite sempre da voi stessi invano, E qual le stelle che dal ciel lontano La stessa luce mandano sul lieto

O triste suolo, indifferenti e belle, Così nel cor--simili all'alte stelle-- Gli stessi sensi in region remote V'agitan sempre, e come al firmamento L'Orsa si mostra e la luna d'argento, Stanno nell'alma vostre brame immote.

Vittime tutti d'uno stesso inganno, Nell'imo vostro cor chiuso è l'affanno Che la parola invan cerca ridire, E s'ode solo qualche flebil suono. Incompreso dai più, mentre che un tuono Sublime dorme nelle vostre lire.

VI.

PRESENTIMENTO

La candida fanciulla ha sedici anni E non provò nè duolo ancor, nè gioia; Ignora i gaudi tristi e i dolci affanni E il disperar per fieri disinganni,

Quando sembra che il cor nel petto muoia.

Sciolti e cadenti i suoi capelli biondi Sul roseo volto dai grandi occhi puri, Allor che, o sole, i vasti campi inondi, Ella si siede sotto l'alte frondi

Nei recessi al meriggio ancora oscuri.

Sulla sua via ell'ha ben lievi impronte, Il suo passato ancora non le pesa, Niun periglio ella scorge all'orizzonte, Le tempeste ella ignora, i mali e l'onte,

E non sa nè il rimpianto nè l'attesa.

La terra è allegra sotto al firmamento, È puro il giorno come il suo bel viso, Par che tutto il creato sia contento, Cantan gli augelli mentre tace il vento,

La terra rende al cielo il suo sorriso.

Fiutano i bovi l'aura profumata, Ronzan tra i rami mille alati insetti; La pianura serena, illuminata, Vive una vita intensa e più beata,

Fremono già i misterïosi affetti.

E allora in mezzo a quella pace lieta; Sotto la vasta celestiale vôlta, Lei che improvviso ignota speme asseta, In tra la gioia cósmica e segreta

Si sente triste per la prima volta.

VII.

NEL PARCO

Nel mistero del crepuscolo S'addormìa la villa e il parco. Io sognavo ai tempi rosei, E la speme moribonda Cui ravviva la profonda Solitudine degli alberi Al mio cor trovava un varco.

S'era spento allor l'incendio Del tramonto all'orizzonte Nelle tinte d'oro e porpora, Celestiale ed uniforme Luce blanda sulle forme Si spandeva e nello spazio Cancellando l'altre impronte.

Cancellando ogni vestigio Doloroso delle lotte Che la vita sempre genera, Sul color troppo vivace Distendendo la sua pace, E annunciandone già prossima L'aura sacra della notte.

Si sentìa l'epitalamio Ineffabil della sera, V'eran soffii e note languide Che turbavano la mente, E facevan che le spente Rose antiche rifiorissero In ogni anima più nera.

VIII.

SEMPER ET UBIQUE

L'amour pleure en tout temps et triomphe en tout lieu. VICTOR HUGO

A GIOVANNI CAMERANA

*

A me, stupito, apparve un giovinetto Coronato di rose il crin ricciuto. Mi sorrise e guardò, ma stette muto Al mio cospetto.

Pareva, fatto ver, sogno d'artista Da ingelosir Pigmalïone o Apelle; E gli occhi suoi parean due nere stelle Senz'ombra trista.

Pieno d'incanto era il suo bel sorriso, Fatte pei baci le sue labbra rosse, Armonïose le leggiadre mosse, Fulgido il viso.

La sua tunica bianca a liste aurate Lasciava nude le marmoree braccia; Sul volto suo non si vedeva traccia D'ore passate.

Vuote le mani, senza flauto o lira, Pur silente sembrava ch'ei cantasse Con la presenza sua--e l'alme lasse Togliesse all'ira,

Alle lotte, ai dolori, ai desìr vani Con la purezza del sereno sguardo. --E compresi ch'egli era a parlar tardo Per gaudi arcani.

Ed ei lieto tacea. Ma alfine io lessi --Interpretando l'occhio che parlava I segreti dell'alma allegra e schiava Sul fronte impressi.

E diceva il suo sguardo: È senza inganni La vita, e il cielo ognor ride ai mortali! Più non invidio ai cherubini l'ali: Ho diciott'anni.

Il mondo è mio, il piano e la foresta; I vezzosi giardini e i verdi colli Già mi donaron tutti i fior che volli Per farmi festa.

Mai non si stanca questo piede e varca Il monte che conduce all'alta mèta; E non invidio alcun, prence o poeta, Dotto o monarca.

Ed ignoro le voglie ambizïose, Non mi curo d'imperio o di potenza, Sprezzo i tesori, e d'oro so far senza Perchè ho le rose.

Parlo tacendo e regno senza spada E rinnegar la gioia mia non voglio, Ma il segreto svelare dell'orgoglio A ogni contrada:

Sono superbo perchè sono vinto Dalla fragile man d'una fanciulla; E mi tien quella man che si trastulla Di fiori avvinto.

Ella è candida e bionda, alta e sottile Nella maestà delle nascenti forme, Divine son de' brevi piedi l'orme Sul suolo vile.

Lo sguardo suo celestïale è pieno Di ricordi di cielo e di speranze, E le vïole acquistano fragranze Sovra il suo seno.

E nel sentiero ombroso ed appartato, Sotto le piante antiche ed indulgenti, Passiamo uniti lungi dalle genti A lato a lato--

Ciò diceva il suo sguardo, e lo splendore Crescea della pupilla e del sorriso... Aprì la bocca alfine, e d'improvviso Mormorò: «Amore...»

* *

Obliai questo sogno. I giorni grigi Uniformi passavan senza eventi; E stetti a lungo ascoltando i concenti Del perenne tumulto di Parigi.

Vivevo assorto tra i rumori strani Della vita febbrile affaccendata, Dimenticando l'ora, il dì, la data, Noncurante dell'oggi e del domani.

Era bel tempo--ed il cangiante smalto Del ciel verdastro e grigio verso sera Facea parer tutta la folla nera Che passava serrata sull'«asfalto».

Un dì, seduto in mezzo al gran frastuono Dell'ampia via su cui l'ombra scendea, Sognavo senza concretar l'idea Mentre coi lumi già cresceva il suono.

Sorgevan vaghe imagini riflesse Dalla svariata scena a me davanti: Studïavo la storia dei sembianti, Le intere vite in un sol gesto espresse.

E quella via era teatro e specchio. Ma a un tratto si fissò la mia attenzione Sovra d'un uom che fra tante persone Umil passava e dispregiato: un vecchio.

La barba grigia avea lunga ed incolta, E come giunto a qualche passo estremo Stanchissimo pareva e quasi scemo, Qual chi non parla mai e rado ascolta.

Smorte, scarne le guancie, incerto il passo, A brandelli le vesti, e tremolanti Le magre mani, ei si fermò davanti A noi, guardando indifferente e lasso.

Lo spingeva la folla ed i monelli Al cencioso beon davan la baia, Si scostava la dama e l'ambubaia, L'insultavano i ricchi e i poverelli.

Ei non se ne accorgeva, e tra le rozze Spinte d'ognun mangiava un po' di pane, Proprio sul passo delle cortigiane, Tra il continuo rumor delle carrozze.

Mi vide, mi fissò nel viso, e fosse Ch'egli scorgesse in me pietà od ingegno, Si raddrizzò, guardò, cambiò contegno, Sorrise mestamente, e non si mosse.

Oh! qual tristezza in quello sguardo spento! Quanta miseria nell'aspetto affranto! Quanta eloquenza in quelle rughe, e quanto Dolore in quella bocca senz'accento!

Vi si leggevan vergognose doglie, E forse--orrende malcelate impronte D'anni passati tra rimorsi ed onte-- Ebrezze trangugiate e morte voglie.

Nella moderna ed acre poesia Di quella strada pazza e fragorosa, Quale contrasto nella orribìl prosa Del misero che soffre e non desìa!

Tra la lotta malsana dei piaceri, In quella gara delle immonde brame, Null'altro egli sentiva che la fame E non avea ne sensi nè pensieri.

Gli diedi una moneta e domandai Più con lo sguardo assai che con un motto Come si fosse in tal stato ridotto, Per qual sequela di sventure e guai.

Allor la sua pupilla ebbe un bagliore, Crollò il capo scotendo il bianco crine, E con la rauca voce disse alfine Una parola sola: «Amore, amore...»

IX.

GLI AMORI

*

O felice la Grecia! Sensüale E puro insieme per la forma pura Vi librava l'amor le rapid'ale. Ignorando i tormenti e la paura.

O sereno l'amor che ingenuo assale, Che Orazio canta in seno alla natura, Scandendo il verso dolce ed immortale E bevendo il falerno fuori mura!

Il cielo sorrideva e il lieto sole Irradïava la beltà pagana, E musica sembravan le parole.

Là nel bosco s'udia passar Dïana... E Afrodite che regna dove vuole Era indulgente per la stirpe umana.

* *

E nella ferrea età medioevale Dalle barbare pugne e dai portenti, Tra i fati avversi ed i furor cruenti, Crescea pallido il fior dell'ideale.

Sostenea ne' perigli e negli stenti Il giovin paggio una cura immortale; Ei tenea chiusa nel cuore leale La bella fede de' suoi dì ridenti.

Un sorriso bastava. Egli moriva Per la divisa sovra il brando scritta, --O se tornava alla natìa sua riva

Per più non ritrovar la derelitta, Il vecchio cavaliero ancor sen giva Con la corazza da uno stral trafitta.

* * *

Poi divenne l'amor falso, elegante, Al dolore ribelle e insiem crudele; E se restava un core ancor fedele Pareva in uggia al secolo incostante.

Il convento s'apriva a qualche amante Sconsolata, e chiudevasi.--E le vele Verso Citera vôlte al suono de le Vïole seguitava il trionfante

Tragitto il bel navilio pien di suoni, Dai cordami di seta rispondenti Come corde di cetra alle canzoni.

Le donne artificiose e sorridenti Scordavano le labili passioni Col core pronto ai capricciosi eventi.

* * * *

Nella vita moderna comprendiamo La storia tutta degli amor passati. --Dal dì che ingenuamente il motto: t'amo Diciam, la prima volta innamorati,

Non sentiam solo in noi l'antico Adamo, Ma insieme al suo l'amor di tutti i vati, Il desir forte ed il languire gramo Del mesto cor, dei sensi inacerbati.

Nell'estasi più pura che levarne Può fino al cielo, pur sentiamo invisa La colpevol memoria della carne:

Nel loto ove sguazziamo in bassa guisa Un pensiero risorge a tormentarne, E sogniam d'Abelardo e d'Eloisa.

X.

UNA VOCE

*

Era deserto il vasto cimitero, Nella pace suprema silenzioso; Qua e là pel verde prato, maestoso S'alzava un monumento alto e severo.

E tra una fila di cipressi tristi Stavan gli umili avelli al par sacrati; Molti che qui passarono obliati Alfin dormivan là cheti e non visti.

Pendean dal tempo scolorite e storte Le antiche croci in legno nero--rotte E infracidile ognor dalle dirotte Pioggie inondanti il campo della morte.

Qualcuna si vedea su cui d'affetto Ultimo pegno stava ancor posata Una ghirlanda misera e sfiorata Che la mestizia ne risveglia in petto.

Coperte di mal erbe e insiem d'oblio Altre vedeansi ove taceano i lai: Stavano là da niun compiante mai, Con le due nere braccia aperte a Dio.

E nel vento spirante intesi voce Lugùbre e fioca da una tomba uscita: Era suon che venìa dall'altra vita: Mi piegai per udir sovra la croce.

--«O voi felici cui riscalda il sole!... Dimmi, mortal, che fate ancor tra i vivi? O voi che avete il cielo, il mare, i rivi, La terra, i fior, le piante, e le parole,

«Sospirate? Piangete ancor? Sperate? Che fate là? V'amate ognor? Gioite? Ancor chiedete al tempo le infinite Gioie fuggenti già in dolor mutate?

«Ai raggi incantatori della luna Sentite ancor le bramosìe nascose? Sonvi le selve ancor? Sonvi le rose Ch'esalano l'amore ad una ad una?

«Ti parlo qui, mortal, dall'altra riva, Dalla riva ove il vero è senza velo. Mi appar chiara la terra e aperto il cielo, Benchè giaccia quaggiù di luce priva.

«Son qui da sola, in questo avel, gelata Ultima stanza ove s'attende Iddio, --Verrà l'anime a scioglier dall'oblìo Dell'angelo divino la chiamata?

«Ma fino allora, oh! quanto è questa cella Gelido albergo per il corpo stanco! --Rigida sta nel suo lenzuolo bianco Colei che un giorno fu chiamata bella.»

* *

Gorgheggiavano intanto gli augelletti Smentendo tutte le tristezze umane. Splendeva il sol sulle iscrizioni vane, Sui nomi già scordati--o benedetti.

Mormoravan le piante all'aura estiva, E volsi il guardo al calmo firmamento, Limpido come il ver, pien di contento, Eterno sulla vita fuggitiva.

E dissi allor: Sognai. La tomba tace. La tomba è vuota. In tutto il cimitero Compie natura il suo vital mistero; Sorgono fiori dal terren ferace.

È lieto il cimiter, natura è lieta, Il dolore è nell'uomo e nella vita. Il resto è pien della gioia infinita, Della gioia immortale a noi segreta,

O voce ch'io credeva udir dal suolo Sorger vêr me con un mesto susurro, Piomba dall'alto invece e per l'azzurro Fino quaggiù discendi ratta a volo!

Volsi lo sguardo al ciel--l'orecchio invano Tesi aspettando l'implorata voce. Scordavo il duol della vicina croce, Ma il verbo non venìa dal ciel lontano.

XI.

. . . . .

*

Fuggiva il giorno ed io pensai: l'estate Segue la primavera e passa, e viene Il queto autunno, e poi le sconfortate

Brume; ma pur dopo le amare pene Giungon le gioie e l'esultanze liete, Dopo le lotte son l'ore serene.

L'uomo dopo la vita avrà quiete Nella luce letal crepuscolare, E dei desir più non saprà la sete.

Sì, una vita ventura che spaziare Lascierà l'alma nostra alfine pura Come libero augello sovra il mare

Verrà, ma forse nella nostra oscura Mente sogniam la speme d'una vita Fulgida troppo in la sorte futura.

Dei mondi nella serie indefinita Entro un mondo sarem di veli avvolto, E la luce sarà vaga e sbiadita.

Ne parrà forse rivedere il volto D'alcun che amammo sulla terra vieta, Ma mestamente fia l'occhio rivolto.

Avrem raggiunto il porto, ma la mèta Ne apparirà diversa e men lucente Di quanto disse ogni miglior profeta.

Un grigio azzurro regnerà; fian spente Allor le tinte più sonore e vive; Tutto parrà languire eternamente.

Color di perla, interminate rive Si seguiran, cristalli inargentati, E piante ignote d'ogni raggio schive,

E smorti fiori come addormentati Nell'eterno sopor dolce e fatale, E profumi sottili ed ignorati

Senza gli aromi turgidi del male, Senza i poemi intensi del dolore E dei peccati senza l'aureo strale,

Senza le lotte del terreno amore, Sarà quale ombra d'una vita arcana, E regnerà dove non suonan l'ore

Una nuova mestizia sovrumana.

* *

Pure al domani sotto il sol raggiante Che illuminava i piani e l'alte cime E mutava ogni goccia in un diamante

E pareva attestare il ver sublime. Sentii scendere ancor nell'alma lassa Il peso della vita che ne opprime.

Mi parve ancor che qui ove tutto passa, Ove il dolore sol di nostro è certo, E ogni voglia ne attira odiosa e bassa,

Ove tutti si va per cammin erto E faticoso ad una ignota mèta, Non sapendo il perchè d'aver sofferto,

Ove lo spirto mai non si disseta E ribellar sentiamo prigioniera L'alma rinchiusa nella fragil creta,

Temibile non è per l'uom la sera, Che alfin dirà ciò che a ciascuno è ignoto, E affermerà se la speranza è vera

O se il destino d'ogni senso è vuoto.

* * *

Ma sul mio capo s'avvolgean le spire Dei rami d'una quercia secolare Dal tronco immane che non vuol morire.

Ed ecco, a un tratto, io la sentii parlare! Una rauca e sottil voce da un ramo Su di me scese e dovetti ascoltare.

--«Ah! tu almeno t'arresti quando chiamo, E fai silenzio a queste mie parole. Odon le piante. Mentre leggevamo

Nel tuo pensier che ignora ciò che vuole E che per false strade si disperde, Ridemmo, chè sei cieco innanzi al sole.

Bello risplende delle frondi il verde Sull'azzurro del cielo, e altero è il fiore, --E in vani sogni il tuo pensier si perde,

Sorride il sol nell'allegro splendore, E le messi che zeffiro accarezza Piegano liete innanzi al mietitore;

È gaio il mare per la dolce brezza E avrà la gioia pur della tempesta... E trilla l'augellin che il guscio spezza.

Sulla terra e nel ciel dovunque è festa, Pur chiuso è ancor dell'universo il fato E l'avvenir che agli esseri s'appresta.

«Tutto è mister, ma nel tronco ingrossato Scorrer sentiamo il vital succo, come Il mondo sente vita in ogni lato.

L'aura folleggia tra le sparse chiome... Vengon gli amanti uniti--e poi retrivi Cercan sui tronchi nostri inciso un nome.

E le foglie agitiamo e siam giulivi Ignorando il destino, e pur sentiamo Che ovunque è vita. E tu solo non vivi?

Tu pensi e scruti e dici: il vero io bramo. E intanto passano i momenti vani E le fronde non vedi sul mio ramo,

Breve è la vita e lungo il suo domani, Qualunque sia. Sorridi dunque e sorgi! Qui non dormire i sonni tuoi malsani!

Il mondo è immensa gioia che non scorgi».

XII.

LA CASCATA

Irradiata di sole, spumeggiante, Dalla roccia scoscesa la cascata Vedea cader laggiù--romoreggiante, Inalterata.

E anch'io nel cor sentivami un torrente Non bianco nè fulgente--doloroso-- Ma in quel posto si fè subitamente Meno penoso.

Ed una voce udii tra quel fragore Che mi disse: Tu pure hai la sorgente Come la mia. Dessa si chiama Amore Eternamente.

Lascia che scorra dal tuo core aperto, In essa affogherai ogni tristezza; Ti scorderai perfin d'aver sofferto Nell'allegrezza.

Compresi il ver, provai la commozione Che ne riempie l'alma tutta intera, E mi sentii nel petto una tenzone Dolce ed altera.

E a me stupito là su quella sponda, Della vita tra il duolo e l'egra noia, Parve il cader dell'acqua vagabonda Pianto di gioia!

XIII.

ATARAH

AD ARRIGO BOITO

*

Atarah regna sopra un vasto impero; Ha dolce l'occhio e lo sguardo severo, E passa eretta fra le vinte genti. Le sue pupille sono più fulgenti D'ogni fuoco che brilla al diadema Pel quale ognuno innanzi ad essa trema. La strana gemma che il coturno allaccia Dall'alto carro par che guardi in faccia --Mentre il corteggio maestoso incede-- Il popol schiavo che le giunge al piede, (Al piè divin che sa sulla cervice Dell'uom posare e renderlo felice). Ella è possente, e se bella non fosse Col terror frenerebbe le sommosse; E come un uomo ella saprìa regnare E ricever l'incenso dell'altare. Ed anco è bella, e se non fosse forte Padrona pur sarebbe della sorte, E senza scettro ella potrìa guidare La moltitudin cui dal monte al mare Abbaglia il ritmo di sue forme e il truce Occhio languente dall'arcana luce.

Ella non teme alcun rivale e sfida Che il più grande l'offenda o la derida, E non paventa alcun Iddio e china Non si prostra ad alcun, poichè è divina. Sapïente, l'immenso impero regge E per sè non conosce alcuna legge E frena il mondo e non subisce freno. --E quando passa, alta e scoperto il seno Marmoreo e bruno e coronata in fronte, Porta la gloria alteramente e l'onte.

Prostràti al suolo cristïani e mori Miran tacendo i mostruosi amori Cui potenza e talento ognor la spinge-- E i suoi desir stupiscono la sfinge Che sogna sempre nella sabbia avvinta Dall'immenso silenzio intorno cinta.

Ella tutto provò. Nei più segreti Abissi del piacer con gl'inquieti Sensi seguì la mente che galoppa, La fantasia malsana; e nella coppa Cercò l'ultima goccia. E tutto il campo Del possibile scorse (come lampo Che ovunque guizza) e lo trovò assai vasto, Ma limitato. Nulla m'è rimasto? Disse sognando, e con la sua possanza, Con l'ingegno che annulla la distanza, Con la muta scïenza della carne, I toccati confin vuole allargarne.

Si risovvenne ed inventò. La storia Le fu maestra, ma ad infame gloria Peggiore ell'è d'ogni regina; strinse Più stretti i nodi alla chimera e vinse Semiramide stessa invidïosa Nel superbo sepolcro. A mente che osa Aiutata dall'oro e dal potere Natura cede. E nelle calde sere Perfino il puro ciel complice anch'esso Parea s'inebbriasse, a lei sommesso Con le infinite stelle. Ed ella in alto Guardava meditando un qualche assalto Per convertire coi desiri occulti Il firmamento ad infernali culti.

Lo spirto suo è astuto, ardito e pazzo. --Talor sdraiata in sull'alto terrazzo, Talor seguente in mare le sue flotte-- Ora voluttüosa in lunga notte Lontan dal sole nel gioir si affoga, Ora il nemico di sua man soggioga. Brevi battaglie lampeggianti adora Ed orgie senza termine in cui l'ora Passa obliata--Poi con regal calma Ozïosa sogna all'ombra d'una palma.

* *

Ella tornava un dì da una vittoria Suprema, cinta d'abbagliante gloria. E bella al par d'una immortai guerriera... Il suo serto splendeva nella sera Siccome un sol notturno sulla terra, E il popol suo e quello vinto in guerra Tremavano davanti al suo passaggio. Ed il cielo taceva sovra il maggio Fiorito e caldo, e la città giuliva Fiammeggiante brillava sulla riva, Accesa tutta da un delirio immane, Vivente mare fatto d'onde umane,

Sul re captivo ella teneva fise Le sue pupille. Ella l'amò e l'uccise.

Dei prigionieri poi fissò la sorte; Prescrisse strane leggi; ogni coorte Vide sfilare in una polve d'oro. I serti vinti chiuse nel tesoro E prodigò le gemme. Poi le sale E i cortili s'aprirò a colossale Festa. Nel colmo del gioir furente, Ella scomparve. Andò per la silente Aperta scala al sommo del palazzo D'onde scorgeva l'assordante e pazzo Spettacolo dell'orgia impicciolito. E allor pensò, pensò con infinito Ardire. Ed un desìo sentì dolente E acuto; e assorta sulla sala ardente, Che avea per vôlta il cielo imperturbato, Ora volgeva l'occhio ancor velato Da torve ebbrezze, ora mirava invece Le calme stelle scintillanti. Fece

Un gesto stanco, indi la mano stese E lentamente una gran coppa prese, E la vuotò con un gesto demente. S'accese la pupilla stranamente, Sparì dinanzi agli occhi suoi la festa, Curvossi indietro la sua bella testa Smorta e bramosa sotto il diadema, E cadde morta in una ebbrezza estrema.

XIV.

LA BARCA

Vidi una rotta barca sopra l'umida Spiaggia caduta, e giunta ai giorni estremi; Dall'albero pendea una vela lacera, Eran perduti i remi.

Smarrito è ormai il vessillo che fluttua, Franto il timon, le sarte--e la sirena Scolpita sulla prua, ridente al pèlago, Ahi! giace nella rena.

E gli arabeschi, e le dorate, ingenue Pitture son raschiate, e nulla resta Della prima parvenza e del bell'impeto Delle sere di festa.

Triste rovina avvolta nella polvere, Pur bella ancora per le svelte forme! --Simile all'uom che all'avvenire torbido Stanco rinunzia e dorme.

Tra le nubi del ciel, beffardo irrompere Scorgeasi un raggio sulla terra serena. Guardai. Sconnesse erano ormai le fradicie Coste della carena.

Era quella la barca che l'oceano Dovea meco solcar cercando i lidi Dove viviam felici nell'orgoglio Dei sentimenti fidi.

Era quello il navilio delle fervide Speranze nelle imprese ardimentose Per cui s'attese invan vento propizio Mentre appassian le rose.

Non indugiate mai, voi che la gondola Tenete in riva pronta per salpare. Furioso irride con lo scherno orribile Agli aspettanti il mare.

Varate pur tra la bufera rapida In tra i lampi ed i tuoni e le saette, Fidate pur le vostre gioie al turbine, A un fragil alber strette!

Per chi parte tra i fulmini e le tenebre, Sfidando il mar con una fede ardita, Spesso si snebbia il cielo e azzurro illumina Una novella vita.

XV.

. . . . .

Alta e superba nella sculturale Perfezïon delle sue forme pure, Pare una statua greca--eppur sa il male Delle tristezze oscure.

Divine son le linee del suo volto, Le curve altere della sua persona. --Nel bianco petto è un cor che soffrì molto E al soffrir s'abbandona.

Invano nel mirare il suo profilo Scorre il pensiero ai lieti dì d'Atene E ricordiam la Venere di Milo. --Le ore non son serene.

A poco a poco sul marmoreo viso Nuovo pallor pose la vita. Antica È la bellezza sua, ma il suo sorriso Conosce la fatica.

XVI.

RESURRECTA

Che la vostra miseria non mi tange, Nè fiamma d'esto incendio non m'assale. DANTE

*

Ella già visse nell'antico Egitto, Tra le città che sembran visïoni, Allor che gloriosi nel delitto

Trionfavan superbi i Faraoni; E guardò calma col gran d'occhio nero Le feste immense e l'orride tenzoni.

Pallida e bruna, col sorriso altero, Della immobile Sfinge colossale Sfidò lo sguardo bianco ed il mistero

Con la serenità d'una rivale. --E degli amori sempre più implacati Conobbe il peso e il fàscino letale;

E gli ascosi desir negli abbagliati Occhi d'intera folla plaudente E le brame che lottano coi fati.

--Poscia sparì d'in mezzo a quella gente, La splendida sua vita ebbe una fine; Crebbe il pallor, fûr le pupille spente,

S'irrigidir le sue forme divine Qual prodigio che subito s'arresta, E nel sonno calò senza confine.

In bende avvolta fu dai pie' alla testa, E sotto la piramide, in l'eletto Sepolcro preparato come a festa,

Dormì mill'anni con lo stesso aspetto.

* *

Ora è fra noi. Per mistica e segreta Legge rinata sotto nuovo clima, Come una evocazione di poeta,

Bellezza tal che realtà sublima! I dolori dell'oggi ed i desiri Guardando senza sprezzo e senza stima.

Ahi! non cura le gioie ed i martiri Di quest'epoca folle ed ammalata, Ed ignora la causa dei sospiri.

E resta calma e pensierosa, e guata Tra le piccole feste e il triste amore, Nel trionfo paranco trasognata.

Della sua vita e morte anterïore Un vestigio sul viso l'è rimasto; Vi si scorge il ricordo che non muore

Dei sogni ardenti e del suo sonno casto.

XVII.

FRA I MONTI

*

Giovani e già dalle uniformi grevi Vicende affranti e dal tornar dei giorni Inesorabili, Dagli anni lunghi e dai dì troppo brevi Ora tumultüosi or disadorni,

Risospinti dal caso, ancor riuniti, Ma più divisi assai che dagli eventi Dal sentir intimo, Un istante obliavano, smarriti In te, Natura, che il cuore addormenti.

* *

Andavan soli come ai dì passati In una valle chiusa in mezzo ai monti. Era il meriggio, Ma sui verdi sentier dal sol dorati Nell'alme loro v'eran due tramonti.

Ei camminava mesto, lentamente. Guardando le pupille dolorose D'azzurro limpido E la purezza del profilo, e spente Quasi sul volto a lei le belle rose.

Gli antichi dì parean tornati ancora; Ei credeva sognare un sogno vero. Le foglie tremule Mormoravan su lor come in allora Che Amor li precedeva sul sentiero.

L'alte montagne nere e i verdeggianti Colli e le roccie e i pini e le cascate D'argento vivido Suscitavano in lui gli antichi canti, Ricordavano a lei l'ore passate.

Mirava il triste sguardo ed il sorriso Ancor più triste--e gli diceva i fati Lungo il silenzio E la terribil calma del suo viso E i suoi capelli d'oro scolorati.

Egli sentiva nuovo atro dolore E non osava prenderle la mano. Il labbro roseo, La bocca semiaperta come un fiore Davan tormento di desir lontano.

Andavan sempre, appena una parola Vana scambiando ed un sorriso mesto, Ma come un rantolo L'inutil detto ritornava in gola Ed il sorriso scompariva presto.

Giunsero alfine al pie' d'una cascata Che dall'alto piombava eternamente; E stanchi, subito Sedetter sulla pietra logorata Sotto la piova dell'acqua cadente.

Tutto era verde intorno, alberi ed erbe Ed il muschio dei sassi ognor spruzzati Dall'acqua candida, Verdi le foglie e verdi le superbe Cime dei monti eccelsi e imperturbati.

A un tratto innanzi a loro una parvenza Vaga si leva. Uno spettro gentile, Ahi! bello e pallido, Oltremodo e silente. Eppure senza Stupore lo guardaro in atto umile.

Poichè l'avevan ben riconosciuto Al pallore, agli spenti occhi divini, Ai raggio livido Che uscìa da lui, ed al suo labbro muto, --E rimaser tremanti, ad occhi chini.

Era il povero antico amor, perduto Da tanto tempo, d'ogni speme privo, Disciolto in l'aere!... E fûr trafitti da un rimorso acuto, L'antico amor non era ahimè! più vivo.

Ahi! senza vita egli era a lor davanti Coi capelli di fiori incoronati, Ma eran languide Appassite ghirlande e i vecchi pianti S'eran negli occhi suoi cristallizzati.

Lo spettro cadde a terra. Allor pietosa Anco una volta la bella compagna Posò un ginocchio; Lui pure si chinò; la prezïosa Salma portaro in mezzo alla campagna,

La portarono insieme a un vasto prato Solitario più ancora e là, scavata La terra, un tumulo Apprestarono, ed or giace isolato L'amore che finì la sua giornata.

La fossa è larga e guarda il firmamento Perchè ei possa risorger s'è immortale, Ed in silenzio Restaro a lungo là senza lamento E sentivan passar soffio letale.

Ed ella, fredda, lui guardava intanto Senza fede oramai ne' giorni bui. Guardava gelida; Ed ei sentì che l'occhio senza pianto Dicea che aveva amato più di lui.

XVIII.

. . . . .

La terra è un punto in mezzo al firmamento, Tra una polve di soli astro ignorato: Atomo è l'uomo ignaro del suo fato, Che appena nato è spento.

--Cosi pensiam nelle ore solitàrie Quando è di noi signor solo il pensiero, Quando cerchiam senza fralezza il vero E scrutiam l'invisibile--

Ma allor che avvinti da due bianche braccia Nella festa dei sensi appare il vero E ne sembra si fonda ogni mistero Nel mistero d'un bacio,

Sentiam che vasto più del vasto cielo E più forte del fato Amore impera, Che l'uomo è il re per cui vediam, la sera, Steso il sidereo velo.

XIX.

LA VILLA

*

Risplende il sole; il vasto cielo puro Distende la sua pace sovra il mondo; Dormono le colline, e lungi, in fondo Mette una riga nera il bosco oscuro;

Ed il largo viale sontüoso Conduce nella villa abbandonata, Aperta, dove l'alta sala ornata È piena di frescura e di riposo.

Errando nel tepor del mezzogiorno, Due vaghi amanti innanzi a quella villa S'arrestan contemplando la tranquilla Vista pensosi e il muto parco intorno,

Il vecchio giardiniere ai vaghi amanti Mostra la casa, e lor dice una storia D'amor celati e di trascorsa gloria, Di luminosi giorni e amari pianti--

E d'una principessa innamorata, Da ognun respinta e fiera del suo fallo... --E la descrive--amazzone, a cavallo Passare per la strada ombreggïata--

Amorosa sedere in sul terrazzo All'ora del tramonto a Lui vicino, --Poi sollevare uscendo dal giardino Con la piccola mano il greve arazzo.

* *

I vaghi amanti erraron fino a sera Tra le aiuole e i sentieri, e nelle vaste Gallerie, su e giù tra le rimaste Gaie memorie d'una gioia vera.

Il sorridente amor loro appariva Il sovvenir d'un sentimento fido, La lunga festa del nascosto nido, La passion che nel desir si avviva,

I rai del sol sulle sboccianti rose E la profonda gioia contenuta E il ridere argentino fra la muta Complicità festosa delle cose.

Ridean le cose. Un'allegria infinita Usciva dai cespugli, dai viali, E tra i profumi e un vivo batter d'ali Nell'ebbrezza la mente era smarrita.

E desiaron di restare. L'alma Dovea goder più dolcemente e forte In un tal sito l'indulgente sorte Che permetteva lor sì dolce calma.

* * *

Ma l'ombra scese della sera, a poco A poco invase il cielo ed ogni loco, E stese un velo sui ricordi lieti. S'adombraron le lucide pareti, Smorti si fero i bei colori, spenti Gli estremi bagliori aurei correnti In su le stoffe sontuose e oscure, Sulle quali vivevan le figure Dipinte una esistenza tenebrosa Mentre morìa la vita vera. Ascosa Malinconia sorgeva nei recessi Amati dove dagli Dei concessi Divini istanti eran trascorsi. E voci Sorger pareano arcane--e dubbi atroci Mormoravano allora e di segreti Dolor non anco espressi dai poeti Svelavano a metà l'atro mistero, Senza parole definite, il vero Nudo mostrando e la fuggente gioia. E lo spettro s'alzava della Noia Regina alfine, ed i sospetti muti S'infiltravan siccome dardi acuti Per l'alme scosse nella giovin fede. E si sentia che l'uomo, triste erede Di colpe antiche e di fralezze vili, Sol può tener con vincoli sottili Per un istante l'alta, passaggiera Felicità, senza misura, intera.

Piangean le cose--una tristezza immensa S'alzava ovunque; si facea più densa La tenebra che ai cuori s'infiltrava.-- Nello sconforto che la mente aggrava I rosei sogni già finiano in pianto-- Rotto pei due era il soave incanto-- La villa, prima gaia e ospitaliera Nel dì sereno, or diventava nera, Arcigna e chiusa in ostile rifiuto. Sacrileghi sentiansi entro quel muto Tempio dal Dio crudele abbandonato Su cui librava il minacciar del Fato Uguale sempre e che si fugge invano.

Il desire parea fatto lontano. Ed un fantasma incontro a lor venìa Che avea sul volto il Duolo e l'Ironia, La sazietà e la gioia bugiarda, L'ipocrita pietà per cui s'attarda L'amor che menzognero ancor sorride.

Il vecchio giardiniere allora vide Fuggire i due amanti impalliditi: --La bella villa dai cortesi inviti Or sembrava un soggiorno di iattura, --Scansando il malaugurio, dalle mura Usciron presto del giardin deserto, E ripresero il lor cammino incerto.

SONETTI

XX.

GIOIA PASSATA

A J. M. DE HEREDIA

Il palazzo è di marmo, e le fontane Ebber zampilli lieti e gorgoglianti; Sovra i pilastri due leon rampanti Superbi ancora alzan le zanne vane.

Il cancello ad ornati irti e pesanti, Semiaperto, cadente, alle lontane Ville ricorda ancor le pompe insane E le feste e gli amori e gli alti vanti,

Ma l'erba intanto cresce in sul viale, La ruggine corrode i gran blasoni, E stanno chiuse le istoriate sale,

Ahi, prive di chiarore e di canzoni! --La noia regna in fra le due grand'ale E con l'edera sale pei balconi.

XXI.

RISPOSTA A H. CAZALIS

Credete che la forma passaggiera Dalla materia eterna ch'è sua culla, Come caduta in mar goccia leggiera Disparirà nell'ocean del nulla.

Sperate che il destin che si trastulla Con l'alma nostra rifulgente e nera, Allor che lascerem la terra brulla Ne affogherà dentro una notte vera.

Ma v'ingannate: eterna è la condanna. Desire ignoto gli scomparsi affanna; Nasce chi muore, ad altro sol gettato.

Ma forse il dì della stanchezza estrema Comprenderemo alfin tutto il poema, Ed in quel dì perdoneremo al fato.

XXII.

RITRATTO

La testa, il busto suo da imperatrice Sembran scolpiti in marmo imperituro; Nel circo avrìa sorriso al morituro Gladiator, suprema vincitrice.

Il morso dei desir, che a noi non lice Impuniti pensar, nei dì che furo Avrìa sentito e nel triclinio impuro Regnato bionda incoronata attrice.

Or passa altera ma non più serena Nella moderna vita dolorosa, E il suo pallor dice la stanca lena,

Lo sguardo fisso la mestizia ascosa, Lo sforzo d'una fede che raffrena L'irrequieto spirto che non posa.

XXIII.

RITRATTO

Ella ha i capelli biondi e gli occhi neri, Lo sguardo dolce ed il sorriso astuto, Parla talora il ciglio e il labbro è muto, Volan le chiome e gli occhi son severi.

Ha buono il core e lo spirito arguto E i detti or folleggianti ed ora alteri, Variano i suoi pensier sempre sinceri, Ama la canzonetta ed il liuto,

Ama il chiarore della luna mesta E il falso luccicare della scena, Si sente triste in mezzo ad una festa,

Senza ragion l'alma ha di gioia piena. Vuole la calma e brama la tempesta, Bionda con l'occhio ner, cupa e serena.

XXIV.

RITRATTO

Col nero e lungo sguardo e con l'arcana Vaghezza del sorriso che indovina, Con la raccolta sua chioma corvina E col caldo pallor che il viso emana,

Ella sembra venuta da lontana Festa opulenta dove fu regina. Gemma salvata dalla gran rovina Della passata gloria veneziana.

Ma per lei si vorrebbe altra cornice: L'antico Canalazzo pien di festa Al tempo di Venezia imperatrice.

Dagli ornati scalini ecco s'appresta.. E sullo smalto di quel ciel felice Spicca il profilo della bruna testa.

XXV.

È un castello feudale in miniatura, Dall'abbandono sorto in nuovo aspetto; Sei secoli passaron sul suo tetto E or ridon bianche le vetuste mura.

Solitario ed in mezzo alla frescura D'alte piante, tra verdi prati eretto, Da una profonda fossa è ancor protetto E d'acqua ha ancora una larga cintura.

Ma il ponte levatoio è fisso ormai, E aperta sta la sala allegra e vasta Dove non giunge il mugghiar del vento.

E ne sembra il castello, allor che i rai Vibran del sol che la torre sovrasta, Gioiel di pietra legato in argento.

XXVI.

RASSOMIGLIANZA

Vidi l'umido labbro e pur procace Lo sguardo per lussuria semispento, E il ciglio pien di volontà tenace E la fermezza del marmoreo mento;

Mirai la linea del profilo altera, La maestà della sua guancia smorta, E dissi: È larva od è figura vera? È viva o dal passato alfin risorta?

Chi è mai? Chi fu?--Ma nuova visïone S'alzò dinnanzi alla mia mente scossa: Era una sala aurata, e più persone In una luce profumata e rossa,

E Lei rividi bella e tenebrosa Versar l'ebbrezza in cesellata coppa E accendere il desir che più non posa Ma vola ognor della Chimera in groppa!

Era l'antica cena di Ferrara, L'amor letale ed il velen dell'orgia... E riconobbi, uscita dalla bara Alla moderna età, Lucrezia Borgia.

XXVII.

PAESAGGIO

Senza rumore, immacolata e lieve, Sovra il ghiaccio del lago smerigliato In linee lunghe scende ognor la neve E bianco sembra l'aere rigato.

E fino agli orizzonti indefiniti Tutto è candore. In sulle opposte rive Pendono gigantesche stalattiti Coperte di diamanti e luci vive.

Si disegnano i rami delle piante In bianco sovra il cielo grigio e smorto. I fiori son spariti e tutte quante Le frondi e l'erbe. Ed ecco tutto è morto

Per un tempo e sepolto nell'inverno. Cosi tace talora ogni desìo E sembra spento pure ciò ch'è eterno Sotto il manto di neve dell'oblìo.

XXVIII.

SOTTO UN RITRATTO

Diritta e bianca sorge in sul cammino Arido e triste della vita umana, Fragile come un fior di gelsomino, Eppur dotata di potenza arcana; Soave qual chi ancor ride al destino Ma altera come l'errante Dïana.

Dalle svelte sue forme arrotondate, Dallo sguardo, un olir voluttüoso-- D'acri gioie imminenti ed aspettate Spira, desìr sotto le nevi ascoso. Il sen, le braccia di bellezza armate Formidabili sono nel riposo.

XXIX.

MARINA

Par quasi nero il mare sconfinato Sotto il cielo pesante e cupo. Il vento Tace e tutto ne sembra addormentato; Nella natura ogni volere è spento.

Dovunque regna una oppressiva pace, S'odono mormorii sottomarini. Si dirìa ferma alfin l'ora fugace E che immobili pendano i destini.

Ma è minacciosa la profonda e mesta Calma che rassomiglia ad una morte... Ed ecco, lungi, un soffio di tempesta Ed un fragor di ferree infrante porte!

Sordo rumor e lampi ardenti e tuoni, Tenebra fitta e luce che ne abbaglia... E in mezzo alle fulgenti visioni La letale magia della battaglia!

XXX.

MARINA

Di gente affaccendata è pieno il porto. Tutto è clamore, grida e voci sorde; Parlano i marinai con gesto accorto, Stridono lungo gli alberi le corde.

Al brulicar del suolo fa contrasto L'austera calma maestà del mare Che si stende color di piombo e vasto Fin dove sguardo umano può arrivare.

E sotto il sole ardente d'improvviso Tutto si tace e sta ciascuno e guata. Brillano gli occhi in ogni attento viso, La folla in varie pose sta atteggiata

Verso un sol punto. Ed ecco, abbandonando Lenta la riva, al pelago infedele Rivolta, ubbidïente ad un comando Esce la nave lieta a gonfie vele.

XXXI.

PAESAGGIO

Circondata da rupi alte e scoscese La valle è angusta, strana e tenebrosa Per l'altezza degli alberi. Il paese È degno d'ispirar Salvator Rosa.

Sotto quell'ombre, in tra le roccie rotte, Si sognano guerrieri in armature Che pugnan dal mattin sino alla notte Con la lancia affilata e con la scure,

Ed il cozzar de' destrier bardati E il fluttuar dell'ondeggianti piume E gli scudi sonare e gli ululati Dei feriti che piombano nel fiume.

I prodigiosi assalti e l'ire pazze, E il delirio di vincere e le scosse Supreme, allor che gli elmi e le corazze Si spezzano e le spade sono rosse,

Gli sguardi irati uscir dalle visiere E i lampi irradïar l'orrenda scena! --Ma passa un fanciullin con un paniere Vociando una canzone a gola piena.

XXXII.

PAESAGGIO

Tutto riposa al raggio della luna, Ma il viale è nell'ombra a noi davanti. S'ergono all'aura in lunga fila bruna I profili degli alberi giganti.

Biancheggia in fondo tacita la villa Tutta chiusa, deserta o addormentata. Non si scorge laggiù lume o scintilla, Ma la vôlta del ciel tutta è stellata.

Un poema infinito ed amoroso Le foglie vi susurrano giulive... Il parco nella notte appar festoso E le statue intraviste quasi vive.

Dormono i nidi ed i fragili fiori Posan col capo languido che pende, Si confondon le forme ed i colori... --E l'ombroso vial qualcuno attende.--

XXXIII.

A EMILIO PRAGA

Il gracile tuo corpo lotta fiera Brevemente pugnò:--Ma vinse alfine L'alma alata e fuggì. Misera fine, Vittoria altera!

L'alma fuggì pari ai fulgenti versi Che uscìan da te quasi inconsciente e ignaro --E se ne andavan per le vie dispersi Del mondo avaro--

E mentre qui tarda giustizia ormai Al tuo nome si rende sull'avello Che incoronato di pòstumi rai Risorge bello,

E mentre qui trovano alfine il porto, Il rimpianto e la lode i tuoi poemi, E rivivono i primi con li estremi, --Or che sei morto--

Tu forse già mutato in altra forma Gioisci d'una gloria assai più pura, Di qualche nuova vita nella norma A noi oscura.

Ma nella tomba o in nuovi dì raggianti Hai scordato, non vedi e non ascolti, Ed ignori i pigmei a te rivolti, Ora inneggianti!

XXXIV.

THÈOPHILE GAUTIER*

* Dal libro _Le Tombeau de Théophile Gautier_ (Paris, Lemerre, 1873).

Sereno, e stanco di vicende umane, Questa terra inquieta egli ha lasciato. Egli, il Maestro, delle forme arcane Innamorato.

Era forte nell'arte--era il leone. Ne possedea la maestà severa, Lo sguardo assorto in calma visïone, E la criniera.

Risuscitò l'ignota poesia, Evocando col suo desir possente Il fulgore infocato e la magìa Dell'Orïente,

I monumenti sotto il cielo aperto Nella tòrrida luce polverosa, E la sublime noia del deserto Senza una rosa.

Disse Bisanzio dove l'onda bagna L'alte moschee dalle dorate fronti, I calli angusti nella dolce Spagna In mezzo ai monti.

Fu dell'Italia appassionato amante E ne applaudì la gloria e la fortuna, --I palazzi il ricordano vagante Per la laguna.

Cantò la Gioia e il Bello e la pagana Voluttà della Forma, e gl'imi amori Delle cose e i desir--l'ebbrezza umana E i suoi colori.

Eppur sapeva le segrete pene E le immense mestizie del poeta; Sentì tristezza nella morta Atene, Pensò alla mèta,

Al destino, alla brama d'Infinito; Pianse il passato ed indagò il futuro, Interrogò le sfingi, e tese il dito Verso l'oscuro.

L'occhio profondo all'orizzonte volto Assaliva i confini del pensiero... E il suo sogno vagava ognor più sciolto Oltre il mistero.

Or lo ha seguito. Ei che raggiunta avea Perfezione impeccabil di parola, Sentiva in sè come sepolta dea L'alma che vola.

E forse già lassù dove s'ammanta La gran luce terribile e superna, Bello di nuova vita, ardente canta La Beltà eterna.

XXXV.

SARAH BERNHARDT

Her eyes were as a dove's that sickeneth. SWINBURNE

Bianca apparizïon dagli occhi immensi, Dal magro viso smorto, dove un fiore Sanguigno par la bocca che nei sensi Versa ignoto languore,

Ella s'avanza, arcana creatura, Dell'ideai col vero unione estrema, Anima che traspar dalla figura E il corpo strema.

Ed in mezzo al silenzio uno strumento Nuovo risuona per la vasta sala... È la sua voce musical, portento Ch'alta dolcezza esala.

Le rime echeggian nuove ed ecco i vieti Ritmi ne sembra udir la prima volta; Quelli accenti di fàscini segreti Empion la vôlta.

Ella commove fin le turbe sorde E l'ascosa rivela umana fibra. Lira vivente dalle cento corde Che ad ogni tocco vibra.

Or la vediamo pura statua, eterna Classica imago dalle caste pose; Ma all'indomani si rifà moderna, E con le ondose

Movenze ed il febbril gesto e il sorriso Parigina si mostra--avventuriera-- Gran dama--amante dallo stanco viso, Smorta, morbosa, vera.

La lunga stola dalle pieghe belle Tragicamente cade sul suo piede; Ella prega ed impreca--irosa--imbelle Comanda, chiede,

Schiava, regina dal gemmato crine-- Innamorata, ascetica, pagana... --Poi sovra il raso sa sgualcir le trine Occhïeggiando vana.

E a dieci lustri d'intervallo il dramma Rifulge ancor nella novella attrice, Arde in quell'esil corpo una gran fiamma Divoratrice.

E, presente, il Poeta imperituro* Rammenta il dì della battaglia vinta! Ed al supremo suo trionfo puro Ora la vuole avvinta.

E dico a Lei: avventurosa, insieme Al plauso della folla il plauso ottieni Di Lui che ancor dall'alto tuona e geme, Spezzati i freni.

Vivo Egli assiste alla sua gloria intera; E applaude a te, artista, e a te sorride. --Il tuo meriggio unito alla sua sera Non scorderà chi vide.

* Victor Hugo assisteva nella primavera del 1879 alla prova generale di _Ruy Blas_--in cui Sarah Bernhardt aveva assunto la parte della Regina.

XXXVI.

A ERNESTO ROSSI

Shakespear ne appar quale caverna mistica Da lontano riflesso stenebrata; Incerto è il suol, ma di rubini e zàffiri La vôlta costellata.

Chi vi s'interna sente l'ali viscide Delle strigi passar sulla sua fronte E trova ignoti fior foschi e purpurei Nelle sanguigne impronte.

Incespica tra i scettri e le corone, Urta i fantasmi mesti degli uccisi; Poi lo incanta la bianca visïone Di sovrumani visi.

Inorridito per le larve pallide, Mentre fugge accecato dalle spade, Ode dal fiume la canzon d'Ofelia E il sovvenir lo invade.

E l'immensa caverna ognora stendesi Da ogni lato nel mondo interïore, O tenebrosa nel delitto o rosea Nel mistero d'amore.

E l'uomo vi si perde senza guida, Oppresso, ammaliato, smorto, anelo... Ma pur fra il tenebrore e fra le strida Scorge un lembo di cielo.

Nè bello il vide mai qual nella plumbea Notte di quelle stanze sontüose Illuminar da una fessura tenue Le più sordide cose.

Passan guerrieri spaventosi e taciti, Passan regine pel rimorso scarne, Tornan sibille con l'antico dubbio Lo spirto a affaticarne.

Contorce il riso il labbro del buffone, E intanto al suoi cade una testa mozza... Vicino al canticchiare del beone La passïon singhiozza,

La più gentil pietà vive in Cordelia Eternamente--e ognora Otello latra; Vince ogni senno con le forme olimpiche L'imperïal Cleopatra.

Or tu, sublime attore, alta una fiaccola Scotendo in mano, discendesti al fondo Della buia caverna in cui nascondesi Entro la terra un mondo.

Animoso scendesti del Poeta Nel vasto impero ove il volgo si tedia, E forzasti a parlar, possente atleta, La velata tragedia.

E il popol vide corruscar di rùtili Gemme la vôlta, e le pareti in fiamma Pareangli allora che la vita scorrere Sentivasi nel dramma.

Ai corpi, creator, donasti il palpito Strappando ad ogni petto il suo segreto; Nè si potè celar nel nero strascico Il sognatore Amleto.

Qui ne appare un profilo e là d'un torso I muscoli, e laggiù brilla uno sguardo... Or ne atterra il delitto, ora il rimorso Di Macbeth o Riccardo.

Con la toga romana, o sotto il lucido Corsaletto, od il manto d'ermellino, Del cuor dell'uom sentiamo eterno il battito Pauroso del destino.

E ognor t'inoltri con l'accesa torcia, Infaticabil cercatore ardito, E rischiarato dal fulgente genio Mostri un regno infinito.

XXXVII.

VENERE NERA

Era una notte chiara e tropicale. Nell'aria torrida Passava un soffio di languor letale, Afrodisiaco.

Sul mar brillava un luccichìo di fosforo, Misterïoso; Parca forier di cósmiche battaglie L'alto riposo,

Morivan lenti in su la calda riva I flutti languidi, L'onda lambendo la rena moriva Con lungo murmurare.

Tutto era bruno: e terra e cielo e oceano; Taceano i venti, Eppur movea lassù un arcano palpito Le stelle ardenti.

Stendeasi in là, vastissima pianura, Il suol dell'India; Il sacro suoi della gran fede oscura Pieno di tènebre.

Pareva il mar d'alto portento gravido. Irrequieto, Ma la natura già potea conoscere Il suo segreto.

Ecco, d'un tratto, l'onda si divide, E sorge argentea In mezzo al mar che intorno ad essa ride Una conchiglia,

Vasta conchiglia illuminata, rosea, Che par dischiuda Cosa di ciel, poichè vi sorge Venere Divina e nuda,

Ma paurosa ancor più della greca Bellezza candida, Chè bianca no, ma è d'un color che acceca, Di bronzo splendido.

S'allieta il ciel, la luna vibra un raggio... Ed ecco altera Incanta allora in sua beltà terribile Venere Nera.

XXXVIII.

INTERNO

A F. COPPÉE

Lontana dai rumor, chiara e quieta, Addorme il core ed il pensier risveglia La stanza del poeta, Qui c'è l'impronta della lunga veglia, Là stanno i libri che lo spirto adora, Ovunque è sparsa una malìa segreta.

La penna giace non asciutta ancora; Tutto spira la vita e insiem la pace. Ed il sole colora Ogni appeso ritratto: là, procace, Mostra un'attrice le sue grazie infide E turba lievemente la dimora.

Qui s'impegnò la lotta che non vide Il lettore distratto; e qui l'idea Passò come la donna che sorride, Poi torna Dea. --Su un piedestallo, bianca e imperitura, La Venere di Milo ne conquide

Con la sua posa eternamente pura.

XXXIX

*

In fondo ai chiari abissi prezïosi Che il mar contende irato agli occhi nostri, Gl'ignorati tesori stanno ascosi.

Difesi là da spaventosi mostri Ed ammassati in cristalline valli In tra lucenti grotte e rosei chiostri;

In tra le piante strane ed i coralli, Nei profondi splendor che, ignoti, per le Iridi hanno riflessi verdi e gialli,

Vergini d'ogni sguardo stan le perle.

* *

Così, lontani e avvolti nel mistero Dove sorgon spettrali visioni, Nel dominio fatato del pensiero,

Tra la magìa degli imminenti suoni, Tra i vïolenti olezzi e blandi e acuti, Prede rapite e ben celati doni,

Tra gli azzurri vapor come perduti, In confuso fulgor misti e sommersi, Attendendo i poeti ed i lïuti,

Non anco detti stanno i nuovi versi.

INDICE

I. _Invitte stanno le superne cime_ 3 II. Separazione 15 III. Storia di mare 33 IV. Alla sera 47 V. _Rose appassite cui non rise il sole_ 51 VI. Presentimento 57 VII. Nel parco 63 VIII. Semper et ubique 67 IX. Gli amori 79 X. Una voce 89 XI. _Fuggiva il giorno ed io pensai_ 97 XII. La cascata 107 XIII. Atarah 111 XIV. La barca 121 XV. _Alta e superba nella sculturale_ 127 XVI. Resurrecta 131 XVII. Fra i monti 137 XVIII. La terra è un punto in mezzo al firmamento 145 XIX. La villa 149 XX. Gioia passata 159 XXI. Risposta 161 XXII. Ritratto 163 XXIII. Ritratto 165 XXIV. Ritratto 167 XXV. _È un castello feudale in miniatura_ 169 XXVI. Rassomiglianza 173 XXVII. Paesaggio 175 XXVIII. Sotto un ritratto 177 XXIX. Marina 179 XXX. Marina 181 XXXI. Paesaggio 183 XXXII. Paesaggio 185 XXXIII. A Emilio Praga 189 XXXIV. Théophile Gautier 193 XXXV. Sarah Bernhardt 199 XXXVI. A Ernesto Rossi 205 XXXVII. Venere Nera 213 XXXVIII. Interno 217 XXXIX. _In fondo ai chiari abissi prezïosi_ 219